10.07.202311:00

Il Politecnico di Milano premiato alla CLEO/Europe-EQEC

I riconoscimenti a Giulio Cerullo, Margherita Maiuri e Andrea Schirato del Dipartimento di Fisica


CLEO/Europe-EQEC è una serie di conferenze internazionali finalizzate a far conoscere e mettere in evidenza le nuove frontiere della fotonica, delle scienze ottiche e dei laser. L’edizione 2023 si è tenuta a Monaco, in Germania, ed è stata l’occasione per la consegna di alcuni prestigiosi premi: tre di questi sono andati a ricercatori del Dipartimento di Fisica del Politecnico di Milano.

La Quantum Electronics and Optics Division (QEOD) della Società Europea di Fisica (European Physical Society, EPS) ha assegnato l’EPS-QEOD Quantum Electronics Prize, categoria “Applied aspects” a Giulio Cerullo, professore ordinario di Ottica fisica e Tecnologie ottiche, per i suoi contributi pioneristici nel settore della generazione di impulsi luminosi da pochi cicli ottici e per la loro applicazione allo studio di processi primari fotoindotti in (bio)molecole e nanostrutture.

Al ricercatore Andrea Schirato è stato assegnato l’EPS-QEOD PhD Thesis Prize, categoria “Fundamental aspects”, per aver introdotto modelli risolti in spazio per la dinamica ultraveloce di portatori caldi e relative nonlinearità fototermiche, svelando regimi fuori-equilibrio finora inesplorati in nanofotonica. 

La Società Europea di Ottica (European Optical Society, EOS), invece, ha attribuito alla ricercatrice Margherita Maiuri l’EOS Early Career Women in Photonics Award, per i suoi contributi nell’ambito della spettroscopia ottica ultraveloce, utili per lo sviluppo di tecnologie fotoniche e per la progettazione di sistemi per la conversione dell’energia solare basati su approcci fotovoltaici, fotosintetici o fotocatalitici